venerdì 24 gennaio 2014

Il test di Bauer


2004, la Ferrari, o per meglio dire la Ferrari e Michael Schumacher, dopo un inverno pieno di interrogativi nati delle limitazioni imposte all'elettronica dai nuovi regolamenti, si ripresentano per la nuova stagione con il consueto piglio di quel periodo: devastanti.
Prime due corse, Australia e Malesia, e dominio totale, gli avversari designati Mclaren e Williams lontani anni luce. Chiaramente i sospetti su presunte irregolarità, congegni elettronici e non, si sprecano.
In particolare non ci si spiega la velocità della Ferrari in rettilineo e nello stesso tempo l'efficacia in curva. Il concetto che si bisbiglia è uno solo: appendici alari flessibili.
La FIA per questo esercita tutta una serie di controlli sofisticati: materiali e configurazioni analizzate sotto ogni punto di vista e con le strumentazioni all'avanguardia.
Tra tutti questi test ne esiste in particolare uno non documentato, che però viene giudicato il più efficace per valutare la rigidità delle superfici alari: è chiamato Jo Bauer test, dal nome del suo inventore, un delegato tecnico FIA.
Quale sarebbe questo test? Semplice: basta montarci sopra con tutto il proprio peso.
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0