martedì 15 aprile 2014

Non è un problema

Dal diario immaginario di un commissario in servizio a Snetterton a fine anni sessanta,
La giornata era una di quelle di routine: il programma prevedeva parecchie gare club più una corsa riservata alle Formula Ford per gli allievi della Russel School.
Non appena da lontano si accende il cupo rumoreggiare del Ford 1.6 degli aspiranti piloti il commissario si prepara alla sua postazione, posizionata alla seconda esse del vecchio tracciato, con lo sguardo puntato verso il Bailey Bridge pronto per segnalare ogni possibile situazione particolare. E con gli allievi della Russel School  c'era solo l'imbarazzo della scelta.
Dopo qualche passaggio nella norma, ai suoi occhi si materializza una monoposto arancione che con un angolo di sterzata impossibile passa sotto il Bailey Bridge. Il commissario prende la bandiera gialla pronto per segnalare l'uscita di strada ma la macchina si raddrizza improvvisamente. Falso allarme.
Qualche minuto dopo la stessa monoposto arancione approccia il Bailey Bridge e ancora l'angolo con cui affronta il passaggio fa istintivamente serrare tra le mani la bandiera gialla al commissario. Niente, nemmeno questa volta, la monoposto si raddrizza e fila verso la curva successiva.
I giri passano e puntualmente quella monoposto affronta quel tratto di circuito sfidando ogni possibile legge fisica. Alla fine della gara sarà lei a passare per primo sotto la bandiera a scacchi.
Sarà la prima di una lunga serie di vittorie per Emerson Fittipaldi.
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0