giovedì 15 maggio 2014

Reutemann e la coscienza sporca

Peccati veniali certo, soprattutto con le Formula 1 di qualche decennio fa, e con i circuiti di qualche decennio fa, comunque sia l'escursione fuori pista con una gran raccolta di erba e sassi era un classico. Le vie di fuga stile parcheggio da supermercato non erano state ancora introdotte e c'è n'era parecchia di erba e sabbia ai bordi delle piste di mezzo mondo.
Fatto sta che Carlos Reutemann, tipo abbastanza permaloso, esce con la sua Williams per la prima sessione di prove, fa un giro abbastanza lento, come da routine, il secondo ci si aspetta che sia un po' più veloce, invece i secondi passano e lui ancora non si materializza ancora sul rettilineo d'arrivo.
La sua macchina fa capolino dopo un'attesa stranamente lunga. Eccolo, sta rientrando ai box.
I meccanici danno un'occhiata alla macchina mentre si avvicina, sembra tutto a posto, probabilmente sarà per qualche regolazione d'assetto.
Certo ci sarà da fare anche quello, ma non solo: appena fermo a nessuno sfugge il retrotreno completamente pieno di terra e erba. Qualcuno gli urla nel casco:
- Sei uscito di pista?
Lui sembra cadere dalle nuvole.
- No perché?
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0