domenica 24 agosto 2014

GP Belgio 2014: i più e i meno

Non è possibile giudicare un GP come quello del Belgio 2014 senza partire dalla toccata che ha condizionato la gara dei due mattatori in Mercedes.
Era parecchio che i due non si trovavano in lotta nei primi giri, tanti, troppi, problemi avevano condizionato le prime fasi di gara degli ultimi GP di Lewis Hamilton, e forse i due non potevano credere ai propri occhi, così è finita con una toccata da formule minori, tanto evitabile quanto inevitabile.
In Mercedes hanno un diavolo per capello e ne hanno tutte le ragioni. Il livello della competizione tra i due ragazzotti in grigio si sta abbassando paurosamente, Hamilton sta soccombendo di fronte alla guerra un poco "sporca" messa in atto da Nico Rosberg. Spa è stata la seconda offensiva dopo le qualifiche di Monaco, e ancora una volta ne è uscito vincitore il tedesco. E adesso che succederà?
Ha vinto ancora l'"animale da gara" Daniel Ricciardo, lo aveva detto anche ieri, dopo le qualifiche, lo sapeva, ci credeva e ha cercato di non far scappare le due Mercedes, sbarazzandosi di Vettel e Alonso, per poi giocarsela in qualche modo. Certo gli è arrivata in aiuto la manovra di Rosberg che ha abbassato il ritmo della gara permettendo a tanti di giocarsi il podio, ma non parliamo di fortuna, please.
Detto di un Magnussen a cui forse andrebbe ricordato che i kart sono roba diversa dalla Formula 1; di un Alonso ingabbiato alle spalle del danese e vittima di un problema alle batterie che ne hanno condizionato la gara; di un Raikkonen che a Spa và e basta; di un Bottas ancora a podio; ecco i più e i meno dalla pista belga:


                                                              Piloti




Efficace:
Ricciardo (Ancora lui, l'anti Mercedes per eccellenza. E' sempre lui quello che approfitta di ogni minima defaillance delle macchine tedesche, è lui che in gara non ne sbaglia una, determinato come pochi altri in pista. Perfetto. Riecco Raikkonen, quello che macina giri dopo giri come un metronomo, quello che lo fa gestendo le gomme quando necessario, sfoderando giri veloci altrimenti. E dopo Budapest sono due le gare da considerarsi positive.)
Massa (Mentre Bottas andava a podio Felipe dov'era? A sua scusante problemi a causa dei detriti in pista ma 13° sembra veramente troppo. Altra gara enigmatica per Vettel, veloce in qualifica e nelle prime fasi di gara, poi a sprofondare nel gruppone e infine di nuovo veloce e determinato nelle fasi finali di gara. Che roba è Seb? Intanto il compagno di squadra ne ha già vinte tre.)


Combattivo:
Alonso (Nel giorno in cui non gliene va una giusta lotta come un leone in gabbia contro un Magnussen in versione kartistica. Solo alla fine perde, ma di fronte a una manovra da codice penale da parte del danese. Spa evidentemente non gli porta troppo bene.)
Hulkenberg (Deludente in qualifica, anche in gara perde il confronto con il compagno di squadra Perez, e proprio su una pista dove è sempre andato forte. Un altro - è la lista è veramente lunga - a cui le monoposto 2014 non hanno fatto per nulla bene.)

Fortunato:
Rosberg (Il ragazzo è diabolico, poche balle, Biancaneve e Cenerentola non guidano una Formula 1. Così come a Monaco non ha fatto nulla per evitare la situazione, e così come a Monaco gli è andata bene.)
Hamilton (Ancora problemi ai freni al sabato, e poi è sembrato anche un po' ingenuo nel contatto con il compagno di squadra, ma chi avrebbe pensato a una toccata al secondo giro?)


 


Auto


Efficace:
Mercedes (Fosse durata più di due giri la gara "normale" non ci sarebbe stata competizione per gli altri, troppa superiorità sull'asciutto e sul bagnato. Altra magia dei tecnici Red Bull che lavorando  su rapporti del cambio e ali hanno reso la RB10 un missile in rettilineo, roba da far paura anche per Monza.) 
Force India (Montano un motore Mercedes ma nessuno, probabilmente nemmeno loro stessi, se ne sta accorggendo.)
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0