GP Singapore 2014: qualche grafico

Domenica si è vista una delle Safety Car più lunghe e meno giustificate dell'intera storia della Formula 1. Passi per il timore di detriti al carbonio devastanti per le gomme ma troppo tempo è stato perso nel tentativo di pulire un tratto di pista e tanto effetto ha avuto sulla classifica finale. Ovvio che nessun avrebbe mai scalfito il dominio di Hamilton e la sua Mercedes, ma magari qualcosa di diverso sarebbe successo alle sue spalle.
Non me ne vogliano il vincitore e i suoi compagni di podio ma il protagonista assoluto di Marina Bay 2014 è stato Sergio Perez. Il messicano sta vivendo una stagione 2014 impressionante, molto più che ai tempi della Sauber. Guida con la stessa intensità che gli aveva procurato così tanti problemi nel 2013 - e il siluramento da parte della McLaren - ma lo fa senza più compiere nefandezze in pista e riducendo al minimo gli errori. Ancora una volta bravo Sergio, se ci fosse come negli USA il premio al "più migliorato" per questa stagione sarebbe assolutamente suo.
Ed è quindi la linea di Perez il tratto più significativo del grafico delle posizioni in corsa relativo al GP di Singapore. In mezzo a un appiattimento generale dato dalle caratteristiche del circuito, guardate come si alza nel finale, certo ci sono di mezzo strategie e mescole di gomme diverse ma lo stesso il messicano merita un applauso a scena aperta.
You need to upgrade your Flash Player

Passiamo poi al grafico relativo ai tempi sul giro. Qui entra in gioco la mostruosa competitività della Mercedes W05, la voracità sportiva di Lewis Hamilton, la grande differenza tra soft e super-soft, e per fiire la pista di Singapore che appiattisce tante, troppe, curve dei tempi. Il solo Vettel prova a resistere nella prima fase di gara ma basta visualizzare le linee dei due per rendersi conto come di speranze con un Panda contro il 911 di Hamilton ce n'erano ben poche. Capire poi se Alonso avrebbe mantenuto il secondo posto senza l'intervento della Safety Car è ipotesi probabile ma difficilmente dimostrabile anche se il suo ritmo più nervoso di quello delle due Red Bull dà l'impressione di uno che aveva qualcosa in più. Da notare come poi Massa anticipi il primo pit fregando alla grande il vecchio compagno di squadra Raikkonen  il quale sarà poi costretto ad accodarsi prima a lui e poi alla coppia motorizzata Mercedes Button-Bottas.
You need to upgrade your Flash Player

Ecco poi il grafico relativo ai distacchi in gara. Hamilton a elastico su tutti, e l'elastico che si tende al massimo nel suo incredibile forcing finale.
You need to upgrade your Flash Player


Per finire ecco le classifiche in forma grafica, sia quella piloti...

You need to upgrade your Flash Player


...che quella costruttori:

You need to upgrade your Flash Player

Nessun commento:

Powered by Blogger.