L'ultima coppia

Quella corsa avrebbe dovuto essere una festa, una celebrazione per una nazione intera e per il proprio figlio, prodigio dell'automobilismo mondiale, Ricardo Rodriguez. Finì in una tragedia invece, anzi inizio visto che Rodriguez perse la vita nella prima sessione del giovedì, con proprio il più atteso come protagonista, ma non è di questo che si vuole parlare.
Il GP del Messico del 1962, gara non valevole per il campionato del mondo di Formula 1 di quell'anno, fu l'ultimo GP a essere vinto in coabitazione. Dopo Fagioli/Fangio su Alfa Romeo nel 1951 a Reims, Musso/Fangio nel 1965 al GP d'Argentina,  e la coppia tutta inglese Brooks/Moss nel GP d'Inghilterra del 1957ad Aintree, ancora una coppia inglese, questa volta Clark/Taylor su Lotus 25 a condividere la gioia di una vittoria in un GP di Formula 1.
In realtà mai successo di coppia fu quanto mai dovuto al singolo. Infatti, dopo aver fatto segnare la pole position nelle qualifiche, Jim Clark si ritrovò con la propria vettura ammutolita sulla griglia di partenza a causa di problemi al motore. I meccanici tentarono invano di avviarla a spinta ma, oltre agli infarti sfiorati, la Lotus dello scozzese non ne volle sapere di partire, e in più la vettura venne squalificata dai solerti commissari messicani.
Così Clark prese possesso della Lotus 25 del compagno di squadra Trevor Taylor e rimontò dal fondo della griglia sino a superare nel finale Jack Brabham e Innes Ireland.
Fu una grande vittoria, l'ultima di coppia, anche se quel GP del Messico del 1962 rimane indissolubilmente legato alla tragedia di Ricardo Rodriguez.

Nessun commento:

Powered by Blogger.