martedì 5 luglio 2016

Paradosso in grigio e rosso

Tocca tornare su quanto successo domenica, perché la faccenda tra i due "manichini" in grigio e argento si sta facendo interessante. Ho sempre considerato la loro rivalità come roba buona per i fan dell'ultima ora della Formula 1, quelli da TV a pagamento, non lo nascondo per nulla, con uno - talentuoso come pochi intendiamoci - impegnato a godersi le mille sfaccettature della vita anche fori dalla pista - e chiamalo scemo! - e l'altro troppo pulito ed educato per suscitare nella platea un qualsiasi sentimento di passione fondamentale per creare una rivalità di quelle serie.
E invece il "pulito" sta riempiendo la sua bacheca di furbate e carognate in un modo quasi insospettabile, e così facendo, sta anche costringendo il "talentuoso" a mollare per qualche attimo il suo iperphone e iniziare a pensare che forse è il caso di "essere" e non "giocare" a quelli che fanno a botte in pista. Non era quello che si voleva?
Comunque vada - a meno che Toto e Niki non decidano di mettere museruola e guinzaglio ai lori due piloti - il secondo crash della coppia Mercedes 2016 ci regala una metà e più di stagione di quelle che inaspettatamente minaccia di diventare piuttosto interessante.
Val la pena poi di considerare come i punti di vantaggio di Hamilton e Rosberg sui due in rosso non è che siano così poco recuperabili. Pare incredibile ma paradossalmente nella stagione del riscatto maranelliano che non si sta materializzando - zero vittorie e due piloti a pari punti - l'obiettivo finale è ancora lì, non dico pronto per essere raggiunto, ma perlomeno non troppo convinto di sfuggire. Vuoi vedere che a forza di giocare....
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0