domenica 9 ottobre 2016

GP Giappone 2016: realtà argento

Quasi in sordina, ampiamente previsto - perché in pochi, nessuno direi, avrebbe dato una chance a una squadra diversa della Mercedes - il team tedesco in quel di Suzuka si è aggiudicato per la terza volta consecutiva il titolo costruttori.
E' ripetitivo e stucchevole dirlo, ma questi tizi tedeschi hanno instaurato un dominio mai visto nella storia di una realtà mondiale come la Formula 1. Tre anni in cui mai si è visto un gap così evidente tra una squadra e il resto del gruppo, e l'impressione è che il vero divario non sia mai stato sondato dalla regia di Stoccarda.
Prendi il GP del Giappone, per l'osservatore esterno potrebbe essere sembrato un GP combattuto e in cui tre squadra avrebbero potuto prevalere sull'altra. La realtà è che il "gioco" di potere della Mercedes è stato quello di vincere andando al risparmio, non sappiamo di quanto, non lo sapremo mai, ed è questo, sportivamente parlando, che è terrorizzante. Per quanti anni andremo avanti? Vedremo mai una macchina non Mercedes vincere un titolo mondiale? Siamo arrivati al punto di dover sperare in un ritiro Mercedes per sperare in un qualsiasi futuro per questa Formula 1?
Scenari psico-apocalittici indubbiamente ma intanto ritorno a fare i complimenti a Nico Rosberg, perfetto quando riesce a piazzarsi davanti a tutti e impeccabile nel ridurre al minimo gli errori, specialmente nei confronti di un compagno di squadra che sembra far di tutto per complicarsi. E il titolo mondiale si avvicina settimana dopo settimana. Anche a Suzuka Lewis Hamilton ha sbagliato la partenza, e poi ha fatto di tutto per limitare i danni, impresa riuscita in parte, che sarebbe riuscita senza l'ennesimo colpo basso del solito maleducato - in pista - Max Verstappen.
Ripeto, vincerà gare e titoli a ripetizione, è un vero animale da gara in quanto a ritmo, ma le sue mosse in pista sono colpi sotto la cintura, fossimo in un incontro di boxe, sparare alle spalle se fosse un duello. La gara di Jr è stata perfetta sino alla chiusura su Hamilton, una dimostrazione dell'imbarbarimento del modo di correre in Formula 1, accentuata dall'assoluta omertà dei media di mezzo mondo, soggiogati dall'idea di aver trovato chi potrebbe rilanciare il fascino di questo sport.
Beoti. Che c..zo di genio si nasconde in uno che zigzaga in pista e chiude in frenata?!!!!
La Formula 1 non sta per nulla conquistando spettatori nelle nuove generazioni e con gente come Max Verstappen sta facendo disinnamorare parecchi vecchi tifosi. Kimi lo disse qualche mese fa: qualcuno si farà male. Credo si tratti solo di aspettare il momento vista le ripetitività di certe manovre da parte dell'olandese.
Chi esce sconfitta da Suzuka è comunque la Ferrari, veloce come non mai in qualifica, ma handicappata da retrocessioni in griglia devastanti. Hai voglia poi di prendertela con gli strateghi, il danno per Vettel e Raikkonen - efficaci come non mai - era già stato fatto prima dello spegnersi dei semafori. Delusione anche da Daniel Ricciardo, alle prese con un motore bolso per tutto il fine settimana stando alle sue dichiarazioni, e dalla McLaren Honda che promettendo l'ennesimo miracolo in casa propria ha amplificato la negatività di un risultato in fondo semplice stato dell'arte in questo momento del team anglo-giapponese.
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0