GP USA 2017: cinque domande (più due) per Austin

Sarebbe stato bello avere un gran finale a due ad Abu Dhabi, un Vettel vs Hamilton da tempi supplementari, con pochi punti di distacco, decine di combinazioni a favore di uno o dell'altro, i due finlandesi a giocare per la propria squadra, e i due bibitari a fregarsene di tutto e tutti e puntare solo alla vittoria. Sarebbe stato un gran bel finale.
Invece il rischio che ad Austin nella quasi notte domenicale europea Lewis Hamilton chiuda i giochi c'è, anche se in verità parecchio remota. Diciamo più probabile che il gran finale evocato qua sopra.
In Ferrari non costa nulla sperare ancora, ma credere in una debacle Mercedes in una stagione come questa è da pazzi e sognatori. Magari sarà questo che accadrà ad Austin, magari ci si concentrerà anche sulle novità Sainz in Renault e Brandon Hartley in Toro Rosso. Scelta quanto mai sorprendente e piacevole quella del neozelandese, silurato parecchi anni fa dal programma giovani Red  Bull - insieme al nostro Mirko Bortolotti - e tenace come pochi nel ricostruirsi una carriera al di fuori della Formula 1 per poi rientrare dalla porta di servizio. Solo per una gara? Poco importa credo, il suo è un esempio unico di percorso alternativo verso la Formula 1.
Mentre Fernando Alonso rinnova in McLaren - e che altro poteva fare? - e Kvyat ritorna in Toro Rosso, vediamo le cinque domande a cui il GP degli Stati Uniti dovrà dare una risposta:

1) E la prima domanda è... leggermente diversa dal solito tormentone. Lewis Hamilton chiuderà il discorso mondiale già ad Austin? Dico No. anche se probabilmente non servirà a molto poi.
2) Chi meglio in gara tra i due duellanti Vettel e Hamilton? Hamilton, anche se non gli basterà per laurearsi campione del mondo per la quarta volta.
3) Meglio il debuttante in Renault Sainz o Hulkenberg a fine gara? Punto su Hulkenberg e la sua efficacia.
4)  E a propositi di debutti e ripeschi: meglio il debuttante e ripescato Hartley o il solo ripescato Kvyat? Ma si, dico Hartley, modalità 6 ore.
5) E infine il classico, avremo una non Ferrari o Mercedes in prima fila? Dico NO, mi sa che la prima fila sarà tutta argento o al massimo sporcata di rosso

5+1) Tre nomi per il podio? Hamilton, Vettel, Bottas. Cosi si eviterà di bere da scarpe e amenità simili.
5+2) Un nome per la pole position? Hamilton. Inesorabile, implacabile, a meno di problemi tecnici ovviamente.

Al solito ci si vede dopo la gara per rivalutare le risposte, e al solito chi vuol dire la propria che lo faccia senza farsi problemi.

1 commento:

Alessio Angelico ha detto...

1) no
2) Vettel
3) Hulkenberg
4) Hartley
5) no
5+1) Vettel, Hamilton, Ricciardo
5+2) Hamilton

Powered by Blogger.